venerdì 22 dicembre 2006

S.

Dopo un periodo fortemente incasinato, torno a postare, avendo anche nuovamente un po' di tempo per leggere (e rileggere) qualche volume con la dovuta attenzione.
Negli ultimi due giorni mi son lasciato prendere da "S.", l'ultima opera di Gipi, e son rimasto estremamente impressionato...
Gipi è un ottimo autore completo, e questo già si sapeva, e la sua sensibilità per la narrazione è magnifica. Ma con "S." c'è stato un vero e proprio balzo in avanti nel suo stile. La storia, di per sè bella ed emozionante nella sua semplicità, è raccontata superbamente, con uno stile ed una tecnica sorprendenti. Il montaggio si può definire come un "flusso di coscienza organizzato", un ossimoro che però rispecchia perfettamente l'ottimo gioco di rimandi tra i vari ricordi dell'autore/narratore. E' uno scorcio sulla vita della provincia durante la seconda Guerra Mondiale, l'ennesimo scorcio, se vogliamo, ma mai banale...
Se non fossero state sufficienti le ottime recensioni, ve lo consiglio anch'io come regalo di Natale per voi e per i vostri amici e parenti, di ogni età...

4 commenti:

sumono ha detto...

ringrazio S.tef per avermi obbligato a leggerlo... (è più forte di me... i disegni di Gipi non mi attirano proprio)

e come si dice nel volume.. "andare culo!" (nn a te ovviamente,ma questo intercalare mi gusta assai quindi la citazione è d'obbligo ^__^)

Cinicus ha detto...

Allora Stefano ogni tanto qualcosa di buono la fa :-)
Auguri, e chissà che non ci si veda prossimamente a Roma...

sumono ha detto...

beh io più o meno ci sono sempre ^__^

grazie del saluto sul blog, auguri anche a te ^_^

s.tef ha detto...

ola!
prima di partire per la basilicantropa ti faccio i miei migliori auguri per l'anno nuovo!
e mi raccomando, vedi di venire a Roma il prima possibile!

p.s. non ho ancora trovato niente tra i miei amici per la stanza, ma per appoggiarti il tempo necessario a trovare qlc non sarà un problema credo

Si è verificato un errore nel gadget